Fondato e diretto da Mauro Pecchenino

Il cervello in mostra a Milano

marzo 29, 2011 da  
Categoria Cosa bolle in Pentola

Coda's Picture from Flickr.com

Coda's Picture from Flickr.com

Fino al 12 Aprile, Milano ospita, in Corso Vittorio Emanuele, la mostra “Il colore del pensiero”, curata dal critico e artista Angelo Bucarelli.

Il colore del pensiero raccoglie 40 gigantografie del cervello, sapientemente accostate dal curatore ad opere d’arte moderna e contemporanea.

L’idea che anima il lavoro di curatela si basa sull’assunto per cui nel processo creativo dell’uomo non esiste l’invenzione di qualcosa dal nulla. L’artista, nella realizzazione dell’opera d’arte, sviluppa temi che appartengono alla sua esperienza, evolvendoli nel nuovo e nel diverso. La stessa struttura del nostro cervello diventa quindi ispirazione inconscia dell’espressione artistica. I diversi gruppi di cellule del sistema nervoso del cervelletto trovano quindi una corrispondenza sorprendente nelle Ninfee di Monet o la cellula di Purkjngie è perfettamente riproposta da Klimt, nell’Albero della vita.

Così Angelo Bucarelli spiega come nasce il progetto della mostra “Il colore del pensiero”: “Nel processo creativo dell’uomo non esiste la creazione assoluta. Ogni nuova creazione nasce dalla combinazione di intuito, riflessione, esperienza e memoria, dall’incontro con altre idee. Le mirabili immagini del cervello si svelano ispiratrici subconscie dell’espressione di quell’arte che si rompe all’impressione prima e all’astrattismo poi. Monet, Mirò, Pollock, Warhol sembrano ritrovare proprio nella struttura stessa dei loro neuroni le calligrafie che poi illustreranno nelle loro opere”.

Ma chi c’è dietro a questo interessante progetto? L’esposizione open air nasce nel contesto del progetto “Brainforum 2011”, la due giorni dedicata al cervello, organizzata da Viviana Kasam, che si svolge il 4 e 5 aprile a Milano.

L’esposizione è stata inoltre fortemente voluta dall’Assessore alla Salute del Comune di Milano, Giampaolo Landi. Hanno contribuito alla realizzazione la Fundaciò “la Caixa” di Barcellona, che ha reso disponibili le fotografie, e Human Life Fund, una fondazione nata con l’obiettivo di realizzare e sostenere progetti ed iniziative che promuovano lo sviluppo etico, sociale e culturale.

Per maggiori informazioni visitate il sito www.brainforum.it

Elsa Rolli

Altri Articoli simili:

Cultura spicciola per ragazzotti ignoranti
Belle de jour, belle la nuit, belle pour l’éternité
La prima grotta non si scorda mai
Una Sardegna che non ti aspetti
Un concerto per palati sopraffini
IL POSTO DOVE ANDARE: Alla Casina sotto le stelle di Bertinoro
Humour e delitti per il successo dell’ispettore Barnaby